Don’t be that way: la traccia ‘contesa’

322

Un brano storico e dalla genesi complicata, passata tra le mani di grandi jazzisti. Tra rivalità e competizione, la storia di Don’t Be That Way

Don’t Be That Way Non fare così, è un brano che risale alla metà degli anni ’30 e divenne una zona franca, per così dire, per due dei più rinomati protagonisti della scena swing: Benny Goodman e Chick Webb, entrambi alla testa delle rispettive orchestre. Come si diceva, la storia del brano non segue una linearità convenzionale, anzi. Catherine Tackley, nel libro Benny Goodman’s Famous 1938 Carnegie Hall Jazz Concert, parla della storia del brano.

Secondo l’autrice, si diceva, Dont’ Be That Way è stata scritta da Edgar Sampson – e da lui stesso arrangiata – per la Rex Stuart’s band tra il 1933 ed il 1934. Tuttavia il brano non venne inciso prima di quest’ultimo anno, in cui lo stesso Sampson si unì a Chick Webb. Il pezzo fu registrato nuovamente nel 1936, e Tackley sostiene che divenne molto popolare per via della frequente esecuzione in sede live. Se i più sostengono, tuttavia, che i veri autori del brano siano Mitchell Parish, Benny Goodman e lo stesso Edgar Sampson, è per via di un’ulteriore versione, che fu registrata nel febbraio del 1938.

chick webb

Quello dell’arrangiamento può sembrare un particolare secondario, ma in realtà possedeva un’importanza intrinseca notevole, anche considerando che la parte live era quella più apprezzata dal pubblico, e la più gratificante per i musicisti, liberi di dare sfoggio alla propria capacità di esecuzione, mostrando la maestria dei loro virtuosismi frutto di improvvisazioni.

Estro e agonismo diventavano spesso motivo di notevole notorietà; a tal proposito si racconta di uno scontro epico proprio tra le orchestre di Goodman e Webb. Siamo al Savoy Ballroom di Harlem uno dei più famosi locali della New York City dell’era swing: è l’11 maggio del 1937 e Benny Goodman e Chick Webb si trovano a condividere lo stesso palco. Il locale era stracolmo: si stima che oltre alle persone all’interno del locale, ben altri 5000 attendevano in strada nella speranza di poter entrare, prima o poi.

Quella sera non si tenne un concerto, ma la “battaglia del secolo” combattuta a colpi di swing, terminata la quale – pare – che la Chick Webb’s Orchestra uscì nettamente vincitrice, applaudita dagli astanti. Benny Goodman e i suoi musicisti erano reputati tra i migliori del momento; dei veri colossi. In seguito lo stesso Gene Krupa, acclamato batterista della Benny Goodman Orcherstra ammise: “I was never carved by a better played”, “Non ero mai stato fatto a fette da un musicista migliore”.

TESTO DI DON’T BE THAT WAY

April skies are in your eyes
But, darling, don’t be blue

Don’t cry
Oh, honey, please

Clouds in the sky
Should never make you feel that way

The rain
Will bring the violets of May
Tears are in vain so, honey, please, don’t be that way

As long as we
See it through
You’ll have me
I’ll have you

Sweetheart
Tomorrow is another day
Don’t break my heart
Oh, honey, please, don’t be that way

Don’t cry
Oh, honey, please

Clouds in the sky
Should never make you feel that way

The rain
Will bring the violets of May
Tears in vain
So, honey, please, don’t be that way

As long as we
Will see it through
You’ll have me
And I’ll have you

Sweetheart
Tomorrow is another day
Don’t break my heart
Oh, honey, please don’t be that way

Don’t cry
Don’t cry, don’t cry
Oh, honey, please, don’t be that way
Oh, honey, please, don’t be that way
Clouds in the sky
Dig those crazy sky
Should never make you feel that way
So don’t be that way
Dig the rain
Pitter, pitter, pitter, pitter-patter
Bring the violets of may
Pitter-patter of the rain drops
Tears in vain
Tears, tears
So, honey, please don’t be that way
As long as we

Will see it through
Oh, baby, you’ll have me
And I’ll have you
Sweetheart

Tomorrow is another day
Tomorrow is another day
Don’t break my heart

Oh, honey, please, don’t be that way
Looky here, baby, don’t cry
Oh, honey, please, don’t be that way
Clouds in the sky

Should never make you feel that way
Yeah, don’t cry
Honey, please, don’t be that way

Clouds in the sky
Oh, honey, please, don’t be that way
No, honey, I’ll never be that way

TRADUZIONE DI DON’T BE THAT WAY

I cieli d’aprile sono nei tuoi occhi
Ma, tesoro, non essere triste

Non piangere
Tesoro, ti prego

Nuvole nel cielo
Non dovresti mai farti sentire così

La pioggia
Porterà le violette a maggio
Le lacrime sono vane, tesoro, ti prego, non stare così

Finché noi
Andando fino in fondo
Tu mi avrai
Ti prendo io

Tesoro
Domani è un altro giorno
Non spezzarmi il cuore
Oh, tesoro, ti prego, non fare così

Non piangere
Tesoro, ti prego

Nuvole nel cielo
Non dovresti farti sentire così

La pioggia
Porterà le violette di maggio
Lacrime invano
Quindi, tesoro, ti prego, non fare così

Finché noi
Andrà fino in fondo
Tu mi avrai
E ti avrò

Tesoro
Domani è un altro giorno
Non spezzarmi il cuore
Tesoro, ti prego non fare così

Non piangere
Non piangere, non piangere
Tesoro, ti prego, non fare così
Tesoro, ti prego, non fare così
Nuvole nel cielo
Scavano in questo folle cielo
Non dovresti farti sentire così
Quindi non fare così
Scava la pioggia
Portate le violette di maggio
Picchiettio delle gocce di pioggia
Lacrime invano
Lacrime, lacrime
Quindi, tesoro, ti prego non fare così
Finché noi

Andrà fino in fondo
Piccola, mi avrai
E ti avrò
Tesoro

Domani è un altro giorno
Domani è un altro giorno
Non spezzarmi il cuore

tesoro, ti prego, non fare così
Guarda qui, baby, non piangere
tesoro, ti prego, non fare così
Nuvole nel cielo

Non dovresti farti sentire così
Sì, non piangere
Tesoro, ti prego, non fare così

Nuvole nel cielo
Oh, tesoro, ti prego, non fare così
No, tesoro, non sarò mai così